Cosa riserva il futuro – SLPS


Impariamo dagli errori: l’approccio positivo ai quasi incidenti di Arnold AG

Patrick Käser

Responsabile QM, GA, SLPS (gestione della qualità, gestione ambientale, sicurezza sul lavoro e protezione della salute)

Oltre a continuare a sviluppare la sua gamma di servizi e a promuovere le innovazioni, Arnold vuole essere all’avanguardia anche nell’ambito della sicurezza sul lavoro. Abbiamo lanciato un progetto interno per prevenire gli incidenti in cantiere e per riconoscerli quando stanno per verificarsi. Parliamo della nostra nuova campagna interna di sensibilizzazione sui quasi incidenti con Patrick Käser, responsabile gestione della qualità, gestione ambientale, sicurezza sul lavoro e tutela della salute in Arnold AG.

Patrick, stai guidando il nuovo progetto di sensibilizzazione sui «quasi incidenti». Perché è stato affrontato questo argomento e qual era la situazione iniziale? Negli ultimi anni siamo riusciti a migliorare i dati di anno in anno nell’area SLPS (sicurezza sul lavoro e protezione della salute). Tuttavia, abbiamo registrato ancora incidenti con un alto potenziale di lesioni. I supporti della Suva, che usavamo spesso, non sembravano più essere sufficienti. Avevamo la sensazione che non venissero recepiti bene come una volta, poiché tutti questi documenti sono molto simili e non generano più l’attenzione che vorremmo. Per questo la direzione ci ha dato il compito di creare qualcosa di nuovo, qualcosa di nostro, per «scuotere le coscienze». La nostra prima idea era realizzare dei video o usare foto scioccanti come quelle usate sui pacchetti di sigarette. Discutendone è emerso che una tale iniziativa alla fine sarebbe stata molto costosa e i benefici sarebbero stati difficilmente stimabili. Nel corso di workshop con psicologi del lavoro e dell’organizzazione, abbiamo poi voluto identificare quali misure potevamo adottare per influenzare positivamente il comportamento dei collaboratori nell’approccio con i mancati incidenti. In passato i quasi incidenti venivano discussi solo su piccola scala. Di solito rimanevano una questione locale e gli altri non potevano imparare nulla da essi. C’era già, naturalmente, l’obbligo di segnalare le lesioni personali e i danni alle cose. Tali circostanze vengono analizzate e i dati vengono poi inoltrati a tutte le regioni e alle unità operative tramite la newsletter SLPS sotto forma di esempio di incidente. Tuttavia, un tale approccio regolamentato e sistematico non esisteva ancora per i quasi incidenti. Al contrario, siamo venuti a conoscenza di alcune situazioni quasi per caso. E ora noi vogliamo cambiare questa dinamica. Ciò che vogliamo ottenere con questo progetto è che l’intero gruppo, e non solo una cerchia ristretta di persone, venga a conoscenza di un incidente. Quale soluzione avete individuato alla fine? Abbiamo individuato uno strumento che i nostri collaboratori possono compilare facilmente, cioè senza login o password, tramite una maschera di inserimento. In una fase seguente abbiamo creato dei manifesti con un design così diverso che non passa inosservato perché i colleghi non hanno mai visto niente di simile prima. Abbiamo usato colori diversi e vistosi che mirano ad attirare l’attenzione. Sui manifesti verrà stampato un codice QR che i collaboratori e le persone esterne (ad esempio i lavoratori temporanei) possono utilizzare per accedere allo strumento di segnalazione. Inoltre, stamperemo adesivi con il codice QR che distribuiremo generosamente ovunque, con l’obiettivo, per così dire, di attaccare un adesivo su ogni portatile e in ogni veicolo aziendale, in modo che i collaboratori possano trovare il codice QR il più rapidamente possibile in qualsiasi luogo e agevolare la segnalazione nello strumento.

E quali informazioni dovrebbero fornire i collaboratori nello strumento? È necessaria una descrizione della situazione, le informazioni di contatto della persona che fa la segnalazione e, anche se facoltative, delle fotografie. Tutte le segnalazioni inviate attraverso questo strumento arrivano alla mia scrivania, le leggo e decido quali sono le misure da intraprendere. Ad esempio, se sono necessari ulteriori chiarimenti o bisogna apportare degli adeguamenti, inoltro la segnalazione a un delegato specializzato in materia di sicurezza sul lavoro (DS SLPS). In ogni unità operativa sono previste da una a quattro persone che elaborano il quasi incidente segnalato o la situazione non sicura e fanno rapporto sulle misure adottate.

Cosa significa «elaborare» in questo contesto? Prendiamo l’esempio di un corrimano delle scale danneggiato in un punto. Un collaboratore invia una segnalazione, che io inoltro al delegato SLPS preposto. Un delegato SLPS sul posto si assicurerà poi che il corrimano venga riparato. Un altro possibile scenario potrebbe essere che qualcuno sia stato quasi colpito da un traliccio in un cantiere. La situazione viene analizzata: cos'è successo esattamente? Il lavoro non è stato eseguito secondo le istruzioni o le istruzioni non erano corrette? Quali sono state le cause concrete? A seconda del risultato dell’analisi, vengono prese le misure appropriate, ad esempio si adegua il manuale di sicurezza sul lavoro. Un tale approccio rafforza l’intera azienda, perché così si evita che uno stesso errore si ripeta una seconda volta.

I collaboratori possono anche inviare segnalazioni anonime? L’obiettivo della campagna di sensibilizzazione e dello strumento di segnalazione è che i collaboratori segnalino situazioni pericolose e quasi incidenti nella piena sicurezza che non subiranno ripercussioni. Non sono quindi necessarie segnalazioni anonime. Questo è un principio importante che vogliamo consolidare presso Arnold: una cultura positiva del feedback senza conseguenze negative. Si possono fare degli errori. Comunicare questo principio ai collaboratori e incoraggiarli è anche compito della direzione. Nessuno dovrebbe essere costretto ad analizzare una situazione da solo. Riteniamo inoltre che le segnalazioni devono essere veloci, semplici e dirette per i collaboratori e dovrebbero avere il meno possibile a che fare con il caso specifico. Se noi responsabili della salute e della sicurezza sul lavoro abbiamo bisogno di informazioni più dettagliate su un quasi incidente segnalato, è bene poter sempre chiedere alla persona interessata. Quando inizierà la campagna di sensibilizzazione interna con i manifesti e lo strumento di segnalazione? Probabilmente inizieremo nel secondo trimestre. Tra l’altro, nello strumento si possono segnalare quasi incidenti ma anche problematiche ambientali, ad esempio se una sostanza è fuoriuscita da qualche parte o cose simili non direttamente collegate all’ambito SLPS. Io mi assicuro poi che queste segnalazioni arrivino a chi di dovere. Questo significa che dovrai lavorare di più in futuro. Lo spero! Se in questo modo avremo più lavoro ma potremo prevenire gli incidenti con uno sforzo relativamente contenuto, allora a mio parere sarà tempo ben speso.

Condividi l’articolo

Anche questo potrebbe interessarti

Top thema «Mobilità»