Acqua - Progetto 6


Circonvallazione di Sins

Adrian Schön Responsabile di progetto, Baumeler Leitungsbau AG, Perlen

L’ufficio tecnico del Canton Argovia aveva in programma dal 2018 la circonvallazione del comune di Sins, con cui deviare il traffico di transito a sud e ovest e alleggerire il centro. Baumeler Leitungsbau AG ha così ottenuto una commessa per la posa e l’allacciamento di numerose condotte idriche.

Un progetto di tale portata richiede una buona pianificazione e per questo sono trascorsi circa due anni dalla presentazione dell’offerta all’impresario costruttore del consorzio edile incaricato all’aggiudicazione della commessa nel 2020. Arnold ha avviato i lavori di attuazione a maggio 2020. La circonvallazione di Sins comprendeva la costruzione di un tunnel di 912 m, per la cui volta il consorzio edile aveva già realizzato un corridoio nel terreno coltivato circostante alla fine del 2019, rimuovendo più di 130’000 metri cubi di materiale di scavo. In una prima fase, il «team acqua» di Baumeler ha installato la condotta dell’acqua di spegnimento nel tunnel di 912 metri, ha posato la condotta dell’acqua potabile al di fuori del tunnel nelle nuove strade e ha collegato le due tubazioni tra loro. Erano sempre presenti tre o quattro collaboratori del «team acqua» di Baumeler, distribuiti su tre turni. Il primo turno iniziava alle 5 del mattino e l’ultimo finiva alle 10 di sera. I lavori fino a tarda ora hanno richiesto anche un permesso speciale. Un progetto come questo richiede l’affiatamento ottimale tra tutte le parti coinvolte, anche nei momenti frenetici, soprattutto per l’esigenza di ultimare il tunnel entro una scadenza definita. Lo scavo per la strada di collegamento al tunnel è stato eseguito dall’impresario costruttore, che ha apportato anche alcune modifiche al sistema fognario. Una volta terminato questo intervento, il «team acqua» di Baumeler ha posato un nuovo tubo in PE da 125 per la condotta idrica, effettuando continue prove intermedie e verificando la pressione sui tubi posati, prima di procedere al collegamento e alla saldatura.

Fun Facts:

Neppure i lavori nel sistema fognario sono immuni da imprevisti. In questo caso Arnold ha dovuto bloccare la condotta e sigillare rapidamente i 630 mm di diametro del tubo fognario con un pallone otturatore, per permettere all’impresario costruttore di lavorare nel tombino. Tubo e pallone sono stati rimossi al completamento dell’operazione. La caduta di pressione ha causato la fuoriuscita del contenuto del tubo fognario, con emissioni che hanno messo a dura prova il naso dei presenti.

Il collegamento del nuovo tunnel della circonvallazione con la rotonda di Bachtal ha richiesto inoltre la costruzione di un ponte, completato già alla fine del 2020. Lungo la parte inferiore del ponte lungo 70 metri corrono tubi a parete doppia di tipo 400 x 250, ovvero con un diametro di 400 mm per il tubo esterno e di 250 mm per quello interno. La parete del tubo esterno ha uno spessore di 22,7 mm, contro i 10 mm del tubo in PE (polietilene) interno, che viene espanso fino ad aderire completamente alle pareti del primo. Lo spessore delle pareti del tubo interno ed esterno dipende dalla pressione dell’acqua applicata. I 16 bar all’interno del tubo a doppia parete sotto il ponte rappresentano un valore piuttosto elevato, se confrontati con i comuni 10-12 bar delle condotte dell’acqua, e sono dovuti all’impatto sui tubi causato dalla pompa dell’acqua. Una tale pressione non sarebbe un problema per un tubo in ghisa, che resiste fino a 100 bar, ma ha lo svantaggio di essere molto pesante per il materiale di cui è composto e di non essere quindi adatto all’uso in una struttura portante. Pertanto, si è preferito l’impiego di tubi in plastica leggera di polietilene, che il processo di espansione rende anche resistenti alla pressione. Le forti oscillazioni di temperatura che possono interessare l’area sottostante il ponte, soprattutto in estate possono provocare il riscaldamento e la conseguente espansione dei tubi in plastica, compromettendo la stabilità della struttura. Per contrastare il fenomeno, il «team acqua» di Baumeler ha preferito installare degli stabilizzatori anziché dei compensatori, che si separano per effetto della pressione. Per fortuna le basse temperature che hanno accompagnato i lavori hanno prodotto l’irrigidimento dei tubi PE e reso più agevole la loro installazione. Sotto il ponte i collaboratori di Arnold, oltre ai tubi dell’acqua, hanno anche tirato e saldato le linee elettriche. Adesso manca ancora l’allacciamento interurbano della condotta idrica sul ponte. Per gli idranti è stato possibile passare da quelli di vonRoll a quelli di Hinni, che sono dotati di valvole a doppia chiusura, ma devono ancora essere installati e messi in funzione. Per Arnold l’intero progetto della circonvallazione di Sins dovrebbe durare fino alla fine del 2021, includendo i lavori di cui sopra.

Condividi l’articolo

Anche questo potrebbe interessarti

Top thema «Mobilità»