Energia — Ritratto dei collaboratori


Juerg Trittibach

capo montatore

Data di nascita: 26 gennaio 1966 Lavora presso Arnold AG dal: 1998

Come si svolge la tua giornata lavorativa tipica? Di solito arrivo al lavoro la mattina presto, per definire e preparare tutte le attività della giornata. Alle 7 vado in cantiere con la mia squadra e ci mettiamo all’opera. La sera, quando torniamo in azienda, laviamo tutto e riordiniamo, rimettendo ogni cosa al suo posto. Cosa ti piace di più del tuo lavoro? Il mio lavoro è molto vario, a contatto con la natura e con tante altre persone, cosa che mi piace molto e mi motiva giorno dopo giorno. Cosa rende Arnold AG speciale? La passione e lo spirito di squadra sono sempre stati molto importanti per me. Ecco perché sono ancora qui, dopo 22 anni. Come descriveresti una giornata lavorativa riuscita? Quando la sera tutte le collaboratrici e i collaboratori tornano a casa dal lavoro in salute.

«Il mio lavoro è molto vario, a contatto con la natura e con tante altre persone, cosa che mi piace molto e mi motiva giorno dopo giorno.»

Juerg Trittibach, capo montatore

Qual è, tra le storie vissute da Arnold, quella che non dimenticherai mai? Una volta per un cliente abbiamo dovuto smontare un traliccio già in uso da oltre 30 anni. Il piano originario ne prevedeva lo smaltimento, ma il nostro capo di allora si rifiutò, poiché era dell’opinione che potesse essere certamente riutilizzato. Così lo conservammo, per venderlo quattro anni più tardi allo stesso cliente. Parlaci di un sogno che hai già realizzato... Sono una persona in salute e felice e per me non esiste cosa più importante. Se la tua vita fosse un libro, che titolo gli daresti? «Non mollare mai», o per dirlo in inglese, «Never give up»! Se fossi un animale, quale ti piacerebbe essere e perché? Se fossi una giraffa, non dovrei più usare la scala per lavorare sui tralicci. Cos’è per te la felicità? Salute e appagamento.

Potresti essere interessato anche a questo

Chantal Hirsiger

Telecom

Bobi Lundrim

Trasporti

Sandro De Guiseppe

Acqua

Condividi l’articolo

Anche questo potrebbe interessarti

Top thema «Mobilità»